Marketing automation per ecommerce: le 5 email fondamentali

Grafica evocativa email marketing automation

Se è vero (e lo è!) che “The money is in the list” capirai perfettamente che è indispensabile costruire una strategia di email marketing automation, per far fruttare al massimo il canale che nel 99% dei casi è il più redditizio per un ecommerce.

Oggi, quindi, vogliamo fornirti una panoramica su quelle che riteniamo essere le mail automatizzate fondamentali di cui il tuo business online non può e non deve fare a meno.

Vediamole insieme.

1. La mail di benvenuto

Tramite un popup sul sito, dal footer, dai social: siamo certi che tu offra agli utenti la possibilità di iscriversi alla tua mailing list ancora prima di aver effettuato un acquisto.

La mail di benvenuto è il messaggio automatico che parte non appena avviene questa iscrizione.

Com’è strutturato il tuo?

Gli errori più comuni che rileviamo quando ci viene richiesta una consulenza in marketing automation sono spesso nascosti proprio in questa prima fase.

Quelli che riteniamo più critici?

  • la totale assenza di questo messaggio;
  • messaggio asettico e/o non customizzato (si utilizza quello fornito di default dal servizio di email marketing utilizzato. Spesso senza nemmeno tradurlo…).

In questo caso manca una vera e propria struttura, che va implementata quanto prima!

Come consigliamo di farlo?

Innanzitutto prevedi di mandare sì una email di benvenuto, ma non solo una.
Questa tematica tornerà anche nei prossimi punti, quindi è importante tu la tenga bene a mente.
Quasi tutti i servizi di autoresponder (Mailchimp, ActiveCampaign, Klaviyo…) ti danno la possibilità di costruire flussi di email. E un motivo c’è!

Quello che vogliamo dirti è di intendere il tuo messaggio di benvenuto come un susseguirsi di più mail, e non un invio singolo.
Una prima che presenti meglio la tua azienda (e comunichi lo sconto promesso se il magnet per l’iscrizione consiste in un codice promozionale).
Una seconda che approfondisca aspetti salienti e degni di nota (le testimonianze dei clienti? Un maggiore focus sull’unicità del tuo business?).
E così via fino a strutturare un flusso di 3-4-5 mail che mantengano vivo il dialogo con i nuovi iscritti.

È chiaro che il tasso di apertura e le altre interazioni con queste email calerà man mano che parte un nuovo invio.
Ma in questo modo massimizzi la possibilità che l’utente acquisito torni sul tuo sito, per compiere – prima o poi – un acquisto.

2. Recupero carrelli/checkout

Se il tuo ecommerce è correttamente collegato al servizio di email marketing che hai scelto, potrai sicuramente impostare un’automazione per il recupero degli ordini non conclusi.

Qual è la regola anche in questo caso?
Imposta un flusso di più mail!

Ricorda all’utente che non ha completato l’acquisto.
Se ancora non compra, chiedi se ha avuto qualche problema con il suo ordine, offrendogli assistenza.
Infine offri uno sconto o un incentivo se ancora non ha convertito.

Se il tuo servizio di email marketing non offre questa funzionalità c’è una sola cosa da fare: cambiarlo!

Ti sta piacendo questo contenuto?

Inserisci la tua mail e ricevi una notifica ogni volta che ne pubblichiamo uno nuovo.

E dopo che l’utente ha acquistato?

Perché sia chiaro: il percorso del cliente è appena iniziato!

Vediamo quindi quali automation riteniamo imprescindibili per continuare a dialogare con i nuovi clienti.

3. Richiesta di recensione

Se non lo fai stai lasciando sul piatto enormi opportunità.

Raccogliere i feedback dei tuoi clienti è fondamentale per:

  • approfondire, da parte tua, la conoscenza del tuo mercato
  • convincere nuovi utenti che li vedranno a convertire (il potere della riprova sociale, hai presente?)

Quindi imposta un automatismo che parta ad una distanza di tempo utile affinché l’acquirente abbia provato il tuo prodotto e chiedigli di raccontare la sua esperienza.

Ovviamente mostra queste testimonianze sul tuo shop affinchè possano essere utili a nuovi potenziali clienti indecisi.

Illustrazione astratta sulla segmentazione

4. Consigli personalizzati

Sarai d’accordo che un cliente che acquista una sola volta non è un vero cliente.
O quantomeno è difficile – salvo casi di business/prodotti particolari – sia un buon cliente, veramente profittevole per la tua azienda.
Il tuo obiettivo a questo punto è, quindi, quello di farlo acquistare di nuovo, per massimizzare il suo valore.

Come farlo?

I modi sono chiaramente molti, ma dal punto di vista dell’email marketing automatizzato ci sono parecchie opportunità che puoi sfruttare a tuo vantaggio.

Puoi, infatti, iniziare a segmentare il tuo database, per mandare messaggi il più possibile personalizzati al tuo pubblico.

Facciamo un esempio.
Se vendi porcellane potresti creare un segmento di utenti che ha acquistato le tazzine da caffè e proporre a loro una zuccheriera.

Oppure proporre altre tazzine da caffè, diverse da quelle che hanno già acquistato.

Su base prodotto o categoria di prodotto comprata, quindi, puoi far partire delle mail automatiche che, per tua esperienza e per quello che raccontano i tuoi analytics, contengano proposte di acquisto che avranno una buona probabilità di rientrare nei gusti dei tuoi lettori.

5. Re-ingaggio clienti dormienti

Sempre a proposito di segmentazione del tuo database di email, c’è una automazione che non puoi fare a meno di impostare.

Crea un bacino di utenti composto dai clienti che non acquistano da x giorni (quanti è variabile di caso in caso, a patto che sia un tempo superiore al tempo medio di riacquisto abituale) e costruisci un flusso di email.

Convincili a tornare sul tuo ecommerce tramite una strategia ad hoc pensata appositamente per loro!

Supponiamo, ad esempio, che il tempo medio di riacquisto sul tuo shop online sia di 40 giorni.

Potresti impostare un’automazione che invii una email al 50° giorno trascorso senza un riacquisto da parte dei tuoi (nuovi) clienti. O ancora meglio: un flusso di mail automatiche che riattivi queste persone. 

Inizia a far crescere la tua azienda

Inserisci la tua mail per iscriverti alla newsletter e ricevere 10 consigli gratuiti per aumentare le vendite del tuo ecommerce e, se vuoi saperne di più, contattaci per una consulenza.

Potrebbe interessarti anche