Come ottenere conversioni dalle tue landing page

Schermata acquisto da mobile

Cos’è una landing page?

Una landing page è la pagina di atterraggio in cui l’utente approda dopo aver cliccato su un link posizionato sul web.

Con “posizionato sul web” intendiamo nei risultati di ricerca Google (anche a pagamento), nei post sui Social, all’interno di una newsletter…

A che cosa serve?

Mentre un intero sito web ha scopi più ampi, dalla presentazione di un’azienda alla vendita di prodotti con gli e-commerce, una landing page punta a far compiere all’utente che la visita un’azione specifica, e solo quella.

La grafica e il contenuto vengono studiate e sviluppate in funzione di una call to action che può essere, ad esempio, l’iscrizione ad una newsletter, la compilazione di un form per ottenere contatti (lead generation), la promozione o acquisto di un prodotto, la chiamata ad un numero.

L’obiettivo? Ottenere conversioni.

Come rendere una landing page efficace

Una landing page ben studiata va dritta al punto ed è progettata in modo che l’utente sia spinto a compiere una sola ed unica azione, determinata dagli obiettivi stabiliti precedentemente in fase di progettazione.

Ti sta piacendo questo contenuto?

Inserisci la tua mail e ricevi una notifica ogni volta che ne pubblichiamo uno nuovo.

Cosa intendiamo nel concreto:

  • deve essere chiara sia dal punto di vista del layout grafico che da quello del messaggio. Il focus deve essere evidente e l’utente deve essere accompagnato, in modo semplice e fluido, ad effettuare l’azione per la quale la landing page stessa è stata creata;
  • la call to action deve essere una sola, e va ripetuta – se necessario – più volte nella pagina.
    Ogni utente fruisce in modo diverso i contenuti: quindi è bene facilitare sia chi vuole andare subito dritto al punto, sia chi invece ama leggere ogni singola parola con attenzione;
  • le informazioni vanno organizzate in modo strategico.
    A volte, infatti, può essere più importante dove (a che punto della pagina) si comunica qualcosa, rispetto alla comunicazione in sé.
    Può essere utilissimo utilizzare strumenti come Hotjar, Lucky Orange o altri tool che generano heatmaps per monitorare qualitativamente e quantitativamente come gli utenti fruiscono la tua landing page. Cosa guardano, dove si soffermano, cosa non vedono;
  • la landing page deve essere coerente agli occhi del target.
    Supponiamo che l’utente arrivi tramite una Facebook Ad.
    È fondamentale che ritrovi lo stesso mood che ha visto in quella sponsorizzata.
    Lo stesso stile, colori simili, copy e immagini che rincuorino il visitatore sul fatto che è finito nel posto giusto.
    L’abbiamo visto con tanti clienti che si sono rivolti a noi negli anni: non farlo significa avere bounce rate (frequenza di rimbalzo) altissimi e “sprecare” budget per clic che non convertiranno mai.
  • e a proposito di copy: deve parlare dei benefici!
    Alle persone non interessano (o interessano poco) le caratteristiche del tuo prodotto o del tuo servizio.
    Per loro è importante cosa ottengono grazie a quelle caratteristiche!
    Pensa alla sostanziale differenza che c’è tra scrivere che un orologio è impermeabile e scrivere invece che “lo porti anche al mare e in piscina senza paura“.
  • la contact form deve essere curata.
    Sì, perché alla fine è qui che avviene la magia!
    Deve essere ben strutturata, chiara, richiedere all’utente informazioni sensate e motivare il perché di tali richieste.

Il consiglio di Youston

Ti capiterà di dover rivedere ed ottimizzare le tue landing page man mano che si raccogli dati sul traffico e le interazioni degli utenti.
Sii aperto all’idea di testare alle fasi di test e non avere paura di revisionare la pagina più volte con l’obiettivo di ottimizzarne il conversion rate.

Inizia a far crescere la tua azienda

Inserisci la tua mail per iscriverti alla newsletter e ricevere 10 consigli gratuiti per aumentare le vendite del tuo ecommerce e, se vuoi saperne di più, contattaci per una consulenza.

Potrebbe interessarti anche